Se conoscete la ditta Zvezda le possibilità sono tre:

  • Siete modellisti
  • Siete dei nerd russi
  • Siete drogati peggio di me

Da questa breve intuizione avrete capito che la suddetta ditta è famosa per i modellini di aereo, i soldatini ed i kit di montaggio in generale. Ovviamente questo non è l’argomento dell’articolo ma, per i fanatici di colla & colori, segnalo la recente collaborazione di Zvezda con Disney che ci ha regalato uno Star Destroyer ed una Perla Nera (Pirati dei Caraibi) veramente notevoli.
Ma torniamo a noi.

zvezda

La guerra fredda è finita da poco ed i paesi dell’est stanno vivendo un periodo di relativo benessere. Cominciano ad arrivare i prodotti occidentali tra cui i primi giocattoli, ma le quantità non sono eccessive.
La neonata ditta di modellismo Zvezda decide quindi di buttarsi in quest’ultimo settore, cogliendo l’ispirazione da una ditta occidentale che sta egregiamente riuscendo ad unire gioco e modellismo: la Games Workshop.
Ispirandosi ai due Warhammer l’azienda russa inizia a produrre le sue miniature in plastica.
La produzione fantascientifica è quella che più si discosta dal classico.

zvezda

La fonte di ispirazione è “Starship Trooper” di Heinlein, ma il design dei personaggi risente decisamente della cultura fantascientifica dell’ex URSS. Il risultato sono due eserciti assai inquietanti, un gruppo di cyborg vestiti solo dei loro inserti tecnologici che si scontrano con orde di alieni chitinosi. Alcuni kit sono venduti anche con parti in plastica colorata e trasparente (vaghi precursori dei gunpla) cercando forse di suggerire la possibilità di non dipingerli.
La scultura delle miniature e la progettazione delle basi dei cyborg è notevolissima e la Zvezda inizia a metterle in commercio.

zvezda

Lasciando alle immagini il compito di parlare, mi limito a citare l’enorme granchio biomeccanico degli alieni quale uno dei modelli più quotati anche oggidì.

zvezda

La linea non ebbe molto successo, vuoi perché fu superata dalla consorella fantasy (che vi presenterò più avanti), vuoi perché era veramente troppo cupa, vuoi perché arrivano i giochi occidentali tra cui il Warhammer originale; tuttavia le vendite rimasero apprezzabili. Oggi questi i modelli sono molto ricercati. Come per molti prodotti della Zvezda anche il packaging è curato: scatole riccamente e superbamente illustrate.

Luigi Fontana

campione indiscusso della lega pokemon categoria asilo nido, la sua carriera sportiva venne stroncata dalla fine della produzione di Big Jim Global Command. Ridotto a stato vegetativo si è ritirato in uno sperduto paese montano ove vive tutt’ora in compagnia di un Commodore 64, un Critter ed un gatto.

Post Correlati Leggi anche...