Come di certo saprete esistono infiniti B-movies che raccontano di squali più o meno incazzati che si mangiano poveri giovani innocenti, è la condanna involontaria che ha lanciato su di noi Steven Spielberg nel lontano 1975 presentando al mondo Lo Squalo. Sono convinto che anche il buon Steven se avesse saputo in anticipo che stava mettendo le basi per un vero e proprio genere cinematografico (i Jaws-movies) avrebbe in qualche modo registrato il marchio grazie al quel mattacchione del suo amico George Lucas.

Fare un film con un mega squalo che si magna le persone è di una facilità estrema perchè basta prendere un pezzo di legno e sagomarlo a forma di pinna dorsale per le riprese a pelo d’acqua e utilizzare materiale d’archivio di National Geografic per mostrare il selachimorpha (ne so a pacchi) nel suo ambiente naturale. Con un modestissimo investimento in sangue finto, CGI da brividi, qualche arto in lattice ed attori al minimo sincadale il gioco è fatto. E’ per questi motivi che il Jaws-movie è stato negli ultimi anni una prerogativa del cinema di serie b e davvero i titoli al riguardo non si contano..a partire dai primi orrendi sequel de Lo Squalo ad arrivare ai cult movie della Asylum e di Roger Corman.

Quando senti parlare di film con uno squalo assassino quindi si pensa subito ad un altra produzione low budget indipendente ma ci sono le eccezioni perchè hollywood ogni tanto ci riprova, sarà per qualche produttore incompetente oppure per un regista fuori di testa ma ogni tanto arrivano nelle sale film come Blu Profondo dove con un budget decine di volte superiore ad un film Asylum e con un cast di tutto rispetto tirano fuori delle cagate madornali. Vi prego di guardare il video sottostante e di concentrarvi sulla bidimensionalità vergognosa di Samuel Jackson. (78 milioni di budget…senza parole)

httpv://youtu.be/ZQTJtHxslQs

Shark Night 3D è un’altra di queste eccezioni ed i risultati sono altrettanto imbarazzanti. Alla regia troviamo quel David R. Ellis che ha cercato in tutti i modi di vendere come cool Snakes on a plane non riuscendo a convincere nemmeno se stesso e gli amanti del cinema trash. La trama del film però non è la solita…ma è ancora peggio!! Mi spiace darvi l’unico spoiler significativo del film ma serve per farvi capire quanto sia assurdo. Si parte con il solito gruppo di bambocci universitari più o meno odiosi che vanno in vacanza sul lago e iniziano a morire uno ad uno per colpa di squali affamati…ma come cazzo avranno fatto degli squali a finire in un lago salato? (fanno notare che è salato circa 20 volte per rendere la cosa più accettabile). Per sfortuna di questi bimbi minchia i pescatori del luogo hanno deciso di girare alcuni snuff movie con le aggressioni degli squali per fare poi tanti bei dindini…

David R. Ellis è un vero artista...

David R. Ellis è un vero artista...

Il tutto è veramente assurdo perchè i personaggi sono degli stereotipi con le gambe e pur mettendoci la buona volontà gli attori sono gestiti in modo assurdo da Ellis che li piazza a cazzo sulla scena e li costringe a recitare battute di un banale che ti senti in imbarazzo per loro. Sorvolando sulla  fotografia che credo sia stata fatta tutta in post produzione giocando con il color correction, menzione particolare va agli effetti speciali che non solo sono lontani anni luci dagli standard hollywoodiani ma a loro confronto lo squalo di Mega Shark Vs Giant Octopus è stramegacredibile.

A mio avviso lo scettro di peggior regista del mondo andrebbe a David R. Ellis e non a Uwe Boll ma questa è un’altra storia..per ora voglio dirvi di stare alla larga da questo se cercate un film di qualità e ben costruito..se invece cercate un vero film di merda per fare delle risate involontarie allora Shark Night farà di certo al caso vostro.

httpv://youtu.be/R–gReLlkT4

Fabrizio Dell'Amore

Classe 1980. Grazie ad un padre nerd si ritrova subito tra le mani decine di videogiochi e migliaia di film in Super 8 e VHS che faranno entrare di prepotenza nel suo DNA queste due passioni. Malato di retrogaming colleziona tutte le console prodotte sul pianeta che tratta come figli e che lo porteranno ad un inevitabile divorzio. Divoratore di qualsiasi genere cinematografico predilige i B-movies e le produzioni TROMA. Crede in un solo Dio chiamato da noi comuni mortali Sylvester Stallone. Nella vita precedente era un giapponese.
Follow Me:

Post Correlati Leggi anche...