Finalmente anche David Hasselhoff ci regala un filmone trash degno del suo nome e non un film qualunque ma il terzo capitolo di Anaconda! Ebbene sì, anche la serie “Anaconda” arriva al numero 3..non certo per ragioni di merito ma puramente per marketing in quanto i film sono indipendenti l’uno dall’altro. Sinceramente avrei preferito un titolo ancora più tamarro del tipo “Hoff VS Anaconda” ma forse sarebbe stato chiedere troppo.

Va detto subito che questo probabilmente è il più brutto film uscito nella stagione 2008 in qualsiasi parte del mondo perchè scadente sotto ogni punto di vista possibile, un vero manuale visivo del perfetto Z-movie.

Gli stereotipi del genere sono tutti presenti, abbiamo il solito miliardario senza scrupoli, che a causa dei suoi esperimenti sulle anaconde crea dei serpenti di 20 metri che scappano dal laboratorio, la squadra di ricerche multietnica, la bella fighetta, lo stronzetto doppio giochista e il capo squadra dal sangue freddo che, credo per legge, debba essere sempre interpretato da un attore considerato un sex simbol negli anni ’80 e ora fallito e alcolizzato..in questo caso il nostro caro amico Hoff.

Non funziona niente in questo orrendo film, la squadra di professionisti è talmente tale che si addentra nei boschi alla ricerca di un serpente di 20 metri con jeans e camicia armati di mitragliatori Uzi come se fossero una gang di spacciatori di Los Angeles ed è composta da attori insulsi tra i quali spiccano un donna con la faccia da gallina brutta e rachitica e un messicano con il capello unto e bisunto uscito da una puntata di 21 Jump Street. Il grande Hasselhoff poi è portentoso e dimostra a tutti i danni che può causare l’abuso di alcolici, fatica a recitare e ha sempre l’espressione di chi sta per vomitare, i movimenti poi sono impacciati e fintissimi..sono lontani i tempi di Supercar e Baywatch caro Hoff.

httpv://www.youtube.com/watch?v=56v3LxpSZK0

Vera perla di questo film però sono gli effetti speciali, non si è badato a spese per realizzarli e infatti sono stati creati in..Romania, mai visto niente di più finto. Guardando un film del genere non ti aspetti certo effetti strabiliandi ma nemmeno una striscia nera di pixel al posto del serpente che sfreccia tra la fitta vegetazione senza minimamente toccarla. Il regista FauntLeRoy, da vero masochista, regala decine di primi piani all’anaconda che invece di inpaurire fa sorridere e quasi tenerezza. A quanto pare quindi in Romania non vinceranno mai l’oscar per gli effetti speciali visto che non riescono nemmeno a bucare decentemente un Chromakey e le scene in macchina sono da vero film amatoriale della parrocchia con tanto di contorno bianco degli attori e fondale distorto. La forte virata allo splatter e Gore di questo terzo capitolo avrebbe potuto portare qualche punticino a suo favore ma dopo aver visto per dieci volte il serpente infilzare con la coda (ahahah) gli attori e per altre dieci mangiare teste (a quanto pare i serpenti sono golosi di teste umane) in un delirio di sangue nero e pixelloso si sbadiglia e ci si annoia.

Piccola nota prima chiudere, ma come cazzo viene in mente ad un attore di talento come John Rhys Davies (Gimli ne “Il Signore del Anelli” tanto per intenderci) di partecipare a questo schifo? I soldi non credo perchè non ne avevano nemmeno per girare..mha..mistero..

Fabrizio Dell'Amore

Classe 1980. Grazie ad un padre nerd si ritrova subito tra le mani decine di videogiochi e migliaia di film in Super 8 e VHS che faranno entrare di prepotenza nel suo DNA queste due passioni. Malato di retrogaming colleziona tutte le console prodotte sul pianeta che tratta come figli e che lo porteranno ad un inevitabile divorzio. Divoratore di qualsiasi genere cinematografico predilige i B-movies e le produzioni TROMA. Crede in un solo Dio chiamato da noi comuni mortali Sylvester Stallone. Nella vita precedente era un giapponese.

Follow Me:

Post Correlati Leggi anche...