Il paesino di Gold Lick è in pericolo. Quattro giovani ragazzi risvegliano per errore il demone cinese Guan-Di e vengono uccisi..tutti tranne uno. Il ragazzo supestite è un grande fan di Bruce Campbell e si convince che l’unico modo per sconfiggere il mostro sia quello di rapire il suo attore preferito e mandarlo contro la creatura. Della stessa idea sono anche gli altri abitanti del paese e quindi il ragazzo parte per rapire il suo idolo. Campbell non si trova in buone acque..è il giorno del suo compleanno e si trova sul set di un film che non vuole fare e la sua ex moglie non vuole più saperne di lui. Il suo manager gli promette una sorpresa per il suo compleanno ma Bruce viene rapito e portato nel paesino. Dopo che gli abitanti del villaggio gli avranno spiegato il motivo del rapimento si convincerà che questa era la sorpresa annunciata dal suo mananger..un mega scherzo nei suoi confronti…

Finamente ho visto questo film, lo aspettavo dal 2007 quando iniziarono a girare in rete le prime immagini e devo dire che l’attesa è stata ripagata perchè vi dico subito che siamo davanti ad un film bellissimo. Bruce Campbell è un attore “mito” come pochi e si prende in giro per tutta la durata del film, dal dialogo iniziale dei due giovani alla scena finale che lo vede protagonista. Sia chiaro che il Bruce Campbell che vediamo sullo schermo non è quello vero, è una caricatura. Antipatico con i fans, alcolizzato e stupido non sono certo le caratteristiche del vero Bruce.

Il film è una riuscita miscela comedy-horror che trova il suo successo nel perfetto equilibro tra i due generi senza mai eccedere in demenzialità e splatter. Tutto funziona bene grazie anche al cast di contorno azzaccatissimo ed a Ted Raimi che interpreta ben due ruoli, il menager di Bruce (e amante della sua ex moglie) e il vecchio saggio Wing. Il demone Guan-Di, rappresentato con un costume da antico samurai, viene utilizzato dal regista per prendersi gioco delle regole degli horror movies e nel finale possiamo apprezzare anche una divertente parodia al classico finale “il mostro è morto!…o no?”

Per quanto riguarda la regia va detto che a Campbell sono serviti i tanti anni di collaborazione con Sam Raimi e la regia di alcuni episodi di “Hercules” e “Xena” perchè il perfetto equilibro sopra citato è dovuto non solo alla sceneggiatura ma anche alla regia e dai movimenti di camera differenti nelle scene comiche da quelle horror.

Promuovo Campbell e il film con il massimo dei voti e lo propongo come regista per il quarto capitolo di Evil Dead!

Scena da ricordare: La sostituzione di Campbell sul set di Cave Alien 2 con un manichino

Battuta da ricordare: “Tu non conosci la paura ragazzo. Non hai mai lavorato con Sam Raimi”

Consigliato a: tutti…in particolare gli amanti del grande Bruce

httpv://www.youtube.com/watch?v=pfROegSomiw

Fabrizio Dell'Amore

Classe 1980. Grazie ad un padre nerd si ritrova subito tra le mani decine di videogiochi e migliaia di film in Super 8 e VHS che faranno entrare di prepotenza nel suo DNA queste due passioni. Malato di retrogaming colleziona tutte le console prodotte sul pianeta che tratta come figli e che lo porteranno ad un inevitabile divorzio. Divoratore di qualsiasi genere cinematografico predilige i B-movies e le produzioni TROMA. Crede in un solo Dio chiamato da noi comuni mortali Sylvester Stallone. Nella vita precedente era un giapponese.

Follow Me:

Post Correlati Leggi anche...