Sono ormai passati piu di 5 lustri da quando, giovane sbarbo, acquistai la Dreamcast solamente per giocare a Sword of the Berserk. Gia all’epoca ero un accanito fan dell’opera del maestro Miura, e mi ricordo che l’hipe era palpabile. Lo stesso sentimento mi si risveglia guardando le immagini e i video del nuovo gioco dedicato al Guerriero nero e Co. Berserk warriors, in uscita a fine anno su consolle Sony. Sono ancora un accanito fan ma i capelli bianchi mi impongono di analizzare più accuratamente la situazione e di non farmi mangiare dall’hipe come avrei fatto un tempo. E’ vero che sono anni che attendo un’altro gioco dedicato all’universo di Berserk, ma….esatto c’è un grosso ma…
Il mio dubbio, dato che finchè non l’avrò provato rimane solo un dubbio, è la scelta del tipo di gioco, il musou.
Ora; per chi non lo sapesse, il musou è il classico gioco alla Dinasty warriors, ovvero, personaggio in terza persiona piazzato al centro di grandi spazi e attaccato brutalmente da innumerevoli nemici (una volta disordinati e meccanici, ora con movimenti piu aggraziati e indipendenti) da ogni dove.

Per quanto mi riguarda i musou hanno due gravi problemi:

  1. ripetitività del gioco (fondali, attacchi, situazioni, interazioni con l’ambiente, boss) che a lungo andare avvicinano il videogiocatore all’autismo e al morbo di Parkinson
  2. trascuratezza o inesattezze della trama.

Spero vivamente che anche questo Berserk Warriors come Fist of the north star prima di lui, mi faccia dimenticare i difetti di ogni musou, coprendoli con pregi altrettanto brucianti (accuratezza dei dettagli, quantità dei personaggi giocabili, quantità di mosse, quantità di spruzzi di sangue e arti troncati).

Mi rimane un po’ l’amaro in bocca per la scelta di gioco, visto la vastità dell’universo trattato avrei preferito un bel GDR o un picchiaduro, ma pazienza, vedremo cosa ci riserverà il futuro, non appena l’avrò testato a fondo darò opinioni piu mirate. Resta comunque il fatto che è un acquisto obbligatorio per tutti i fan del fumetto

 

Per il momento accontentiamoci del gustosissimo trailer:

 

Eun po alla volta, trapelano anche le immagini di personaggi giocabili:

 

Pigio

Nerd atipico in quanto amante della Fagiana, da anni l'illustre sottoscritto è appassionato di film, manga, anime, videogaming e compagnia bella, grazie al figlio ha riscoperto la gioia di montare lego, che unita alla passione per star wars, lo rendono uno dei più grossi scialacquatori del reame. Perche un'opera sia pregevole ai suoi occhi, basta che contega umorismo, bagni di sangue gratuiti o navi spaziali.
Follow Me:

Related Posts You Also Might Like